VI AUGURO DI ESSERE ERETICI. don Luigi Ciotti, Congresso nazionale di Slow Food 2014 Vi auguro di essere eretici. Eresia viene dal greco e vuol dire scelta. Eretico è la persona che sceglie e, in questo senso è colui che più della verità ama la ricerca della verità. E allora io ve lo auguro di cuore questo coraggio dell’eresia. Vi auguro l’eresia dei fatti prima che delle parole, l’eresia che sta nell’etica prima che nei discorsi. Vi auguro l’eresia della coerenza, del coraggio, della gratuità, della responsabilità e dell’impegno. Oggi è eretico chi mette la propria libertà al servizio degli altri. Chi impegna la propria libertà per chi ancora libero non è. Eretico è chi non si accontenta dei saperi di seconda mano, chi studia, chi approfondisce, chi si mette in gioco in quello che fa. Eretico è chi si ribella al sonno delle coscienze, chi non si rassegna alle ingiustizie. Chi non pensa che la povertà sia una fatalità. Eretico è chi non cede alla tentazione del cinismo e dell’indifferenza. Chi crede che solo nel noi, l’io possa trovare una realizzazione. Eretico è chi ha il coraggio di avere più coraggio.

Continue reading “VI AUGURO DI ESSERE ERETICI. don Luigi Ciotti, Congresso nazionale di Slow Food 2014 Vi auguro di essere eretici. Eresia viene dal greco e vuol dire scelta. Eretico è la persona che sceglie e, in questo senso è colui che più della verità ama la ricerca della verità. E allora io ve lo auguro di cuore questo coraggio dell’eresia. Vi auguro l’eresia dei fatti prima che delle parole, l’eresia che sta nell’etica prima che nei discorsi. Vi auguro l’eresia della coerenza, del coraggio, della gratuità, della responsabilità e dell’impegno. Oggi è eretico chi mette la propria libertà al servizio degli altri. Chi impegna la propria libertà per chi ancora libero non è. Eretico è chi non si accontenta dei saperi di seconda mano, chi studia, chi approfondisce, chi si mette in gioco in quello che fa. Eretico è chi si ribella al sonno delle coscienze, chi non si rassegna alle ingiustizie. Chi non pensa che la povertà sia una fatalità. Eretico è chi non cede alla tentazione del cinismo e dell’indifferenza. Chi crede che solo nel noi, l’io possa trovare una realizzazione. Eretico è chi ha il coraggio di avere più coraggio.”

Annunci

L’era…. “glaciale”

Il tempo passa, inesorabile, implacabile… silenzioso… puntuale….come potrebbe essere diversamente? E’ il tempo! Il tempo è  dono di Dio insieme alla vita. Non ci può essere vita senza il tempo…ma il tempo senza vita si. Dunque facciamo che non sia ne tempo, ne vita sprecata. Qualcuno direbbe: “CARPE DIEM”… Può essere anche giusto, ma non dimentichiamo chi siamo, cosa facciamo e dove andiamo… Se lo faremo, allora Carpe Diem.cropped-da-huawei-a-pc-24-febbraio-2017-1041.jpg

E’ da molto tempo che sono iscritta al REGISTRO DELLE OPPOSIZIONI PUBBLICHE…MA E’ SERVITO A BEN POCO. Chi vi è iscritto e non capisce come mai le molestie telefoniche da parte dei call center😵 persistono, vi ricordo che cancellano solo i numeri provenienti dall’elenco telefonico, perchè i numeri di telefono che rilasciamo, ogni qualvolta compiliamo moduli per il rilascio delle tessere fidelity raccogli punti o premi dei negozi, supermercati ecc… non rientrano nel blocco. Quando compiliamo ed infine firmiamo i moduli, barriamo voci che appunto riguardano la privacy…da qui… siamo noi che diamo l’assenso alla vendita dei nostri nomi a società terze, che poi li vendono a chi ne fa richiesta, tipo i 👽call center… Mi spiace deludervi, ma è così! Se non cambia, serve davvero a poco.

cropped-da-huawei-a-pc-24-febbraio-2017-1041.jpg

IL RITORNO…. 2017

manola0hh421744_341983172509592_585438505_n

 Da molto tempo non facevo visita al mio blog…. non ho più avuto tempo…o forse voglia di accedervi….ma ho sentito la nostalgia di questo luogo così…intimo…sostando, ahimè troppo spesso fra cattiverie e pettegolezzi moderni dei social. Ne faccio parte integrante anch’io…. ma a volte debbo urlare per farmi sentire…e non riesco a capire come mai vi sono così tanti LEONI DELLA TASTIERA..ma in fondo, in fondo vigliacchi….per cui cerco salvezza qui, a casa mia …una casa abbandonata da ben 3 anni! A volte mi vergogno di appartenere alla razza umana, ancor più di genere femminile. Oggi trovo che noi donne, (femmine), abbiamo perso quella caratteristica che ci distingue da ogni altra specie… LA FEMMINILITA’! Non venitemi a dire che i tempi sono cambiati, perchè non voglio nemmeno sentirlo dire!! E’ un luogo comune che si dice e si usa, quando si vuol scusarsi per qualcosa che ci sta bene e di cui siamo complici! Siamo colmi di lacune che ci avvolgono e ci circondano come tentacoli di piovra! Ci fa comodo asserire ed assecondare quelle che sembrano essere le  nostre convinzioni a riguardo dei tempi moderni proiettati verso il futuro..Storie! Siamo complici ed accomodanti, perchè richiedono poco impegno, richiedono poco o nulla educazione, tutto è permesso, tutto è nostro…Il rispetto è un  soprappiù, l’amore se c’è, c’è…basta ci sia il sesso. I soldi se ci sono bene, se no si rubano… ma il più delle volte la gente si ammazza, perchè altri non li hanno rispettati ne aiutati.Un futuro incerto e nero come la pece.!Ma il futuro, non si compra, non arriva per caso, non ci viene imposto! Lo si crea! Siamo noi a crearlo e a plasmarlo a seconda delle nostre, – a volte scellerate pretese!  Per oggi basta. Come rientro in questo ANGOLINO DI CUORE, BASTA ED AVANZANO QUESTE SCONFORTANTI PAROLE…. Vedrò se riesco a intraprendere questo VIAGGIO DENTRO AL CUORE insieme a  voi amici …a Dio piacendo.

 

HO CERCATO DIO

(Angelus Silesiius)
Ho cercato Dio
con la mia lampada così brillante
che tutti me la invidiavano.
Ho cercato Dio negli altri.
Ho cercato Dio
nelle piccolissime tane dei topi.
Ho cercato Dio nelle biblioteche.
Ho cercato Dio nelle università.
Ho cercato Dio
col telescopio e con microscopio.
Finché mi accorsi che
avevo dimenticato quello che cercavo.
Allora, spegnendo la mia lampada,
gettai le chiavi, e mi misi a piangere…
e subito, la Sua Luce fu in me

IL PROFUMO DI DIO

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

(Soren Kirkegaard, La morale della favola, Gribaudi Editore)

Un giorno, all’improvviso, il capriolo, porta-muschio delle montagne, avverte nelle narici il soffio di un profumo muschiato. Non si rende conto da dove provenga, ma ne è affascinato e corre di giungla in giungla alla ricerca del muschio. Si sente costretto a cercarlo attraverso burroni e foreste, rinuncia a bere a mangiare e a dormire, finché esausto e affamato precipita da una cima mortalmente schiantato nel corpo e nell’anima. Il suo ultimo gesto prima di morire è di aver pietà di se stesso e di leccarsi il petto… dove, o prodigio! viene a scoprire che la sua tasca-muschio gli si è sviluppata sul corpo. La bestiola allora ansima profondamente, tentando di aspirare quel profumo, se non è troppo tardi…

Non cercare fuori di te il profumo di Dio, per perire nella giungla della vita. Non cessare di cercarlo entro di te, e vedrai che lo troverai.

Creato su WordPress.com.

Su ↑