In cammino con Gesù.   Leave a comment

Pubblicato 1 ottobre 2014 da Manola e Mario in Senza categoria

HO CERCATO DIO   2 comments

(Angelus Silesiius)
Ho cercato Dio
con la mia lampada così brillante
che tutti me la invidiavano.
Ho cercato Dio negli altri.
Ho cercato Dio
nelle piccolissime tane dei topi.
Ho cercato Dio nelle biblioteche.
Ho cercato Dio nelle università.
Ho cercato Dio
col telescopio e con microscopio.
Finché mi accorsi che
avevo dimenticato quello che cercavo.
Allora, spegnendo la mia lampada,
gettai le chiavi, e mi misi a piangere…
e subito, la Sua Luce fu in me

Pubblicato 23 gennaio 2011 da Manola e Mario in ATTIMI DI RIFLESSIONE, Senza categoria

IL PROFUMO DI DIO   Leave a comment

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

(Soren Kirkegaard, La morale della favola, Gribaudi Editore)

Un giorno, all’improvviso, il capriolo, porta-muschio delle montagne, avverte nelle narici il soffio di un profumo muschiato. Non si rende conto da dove provenga, ma ne è affascinato e corre di giungla in giungla alla ricerca del muschio. Si sente costretto a cercarlo attraverso burroni e foreste, rinuncia a bere a mangiare e a dormire, finché esausto e affamato precipita da una cima mortalmente schiantato nel corpo e nell’anima. Il suo ultimo gesto prima di morire è di aver pietà di se stesso e di leccarsi il petto… dove, o prodigio! viene a scoprire che la sua tasca-muschio gli si è sviluppata sul corpo. La bestiola allora ansima profondamente, tentando di aspirare quel profumo, se non è troppo tardi…

Non cercare fuori di te il profumo di Dio, per perire nella giungla della vita. Non cessare di cercarlo entro di te, e vedrai che lo troverai.

Pubblicato 18 dicembre 2010 da Manola e Mario in Elucubrazioni

IL CORAGGIO DI SEGUIRTI   Leave a comment

Il coraggio di seguirti
—————————–
(Merico Antonio, Parola pregata. Preghiere dell’anno liturgico A, Elledici)

Signore Gesù, oggi ci proponi gli aspetti scomodi
e onerosi dell’ideale cristiano.

La croce, non si è mai disponibili né pronti
per accettarla, contrasta con l’aspirazione umana
che tende ad allontanare il dolore e raccogliere gioie.

Chi si pone alla tua sequela va incontro
a maltrattamenti e persecuzioni,
va incontro alla tua stessa sorte.

Il prezzo della coerenza
è lo stipendio di chi ti ha scelto.

Ci chiedi fiducia incorllabile in te, in te solo,
senza posare il capo su altre sicurezze.
Ci chiedi tutto, ma non prendi tutto.

Ci chiedi salti nel vuoto e, fin quando non li faremo,
non ci accorgeremo che in fondo ci sei tu
ad aspettarci e non il vuoto.

Non ci chiedi mai di togliere,
ma per poter dare molto di più.
Vinci sempre in generosità.

Donaci il coraggio di seguirti
e la forza di perseverare
anche se bisogna remare contro corrente.

Pubblicato 5 novembre 2010 da Manola e Mario in Senza categoria

  Leave a comment

(Tonino Bello, Maria, donna dei nostri giorni)

Santa Maria, donna bellissima, attraverso te vogliamo ringraziare il Signore per il mistero della bellezza.
Egli l’ha disseminata qua e là sulla terra, perché lungo la strada, tenga deste, nel nostro cuore di viandanti, le nostalgie insopprimibili del cielo.
Riconciliaci con la bellezza.
Tu lo sai che dura poco nelle nostre mani rapaci.
Facci comprendere che sarà la bellezza a salvare il mondo.

Pubblicato 1 novembre 2010 da Manola e Mario in ATTIMI DI RIFLESSIONE

NON CI AZZECCO……   Leave a comment

Questo slideshow richiede JavaScript.

E’ cambiato tutto…. Windows live… WordPress… il mio bel blog è sparito… sto cercando di imparare qualcosa di WordPress… ma è quasi tutto in inglese. Qualcosa capisco… ma è difficoltoso… mah!

Pubblicato 20 ottobre 2010 da Manola e Mario in Elucubrazioni

LA PROVVIDENZA   Leave a comment

San Giovanni Maria Vianney, Omelia per la II Domenica dopo Pentecoste)

Non temiamo mai che la santa Messa comporti ritardi nei nostri affari temporali; succede tutto il contrario: stiamo certi che tutto andrà meglio, e che anzi i nostri affari riusciranno meglio che se avessimo la disgrazia di non assistervi. Eccone un esempio ammirevole. Viene riferito di due artigiani, che esercitavano lo stesso mestiere e che dimoravano nel medesimo borgo, che uno di essi, carico di una grande quantità di bambini, non mancava mai di ascoltare ogni giorno la Santa Messa e viveva assai agevolmente con il suo mestiere; mentre l’altro, che pure non aveva bambini, lavorava parte della notte e tutto il giorno, e spesso il santo giorno della domenica, e a mala pena riusciva a vivere. Costui, che vedeva gli affari dell’altro riuscirgli così bene, gli chiese, un giorno che lo incontrò, dove poteva prendere di che mantenere così bene una famiglia tanto grande come la sua, mentre lui, che non aveva che sé e sua moglie, e lavorava senza posa, era spesso sprovvisto di ogni cosa.
L’altro gli rispose che, se voleva, l’indomani gli avrebbe mostrato da dove gli proveniva tutto il suo guadagno. L’altro, molto contento di una così buona notizia, non vedeva l’ora di arrivare all’indomani che doveva insegnargli a fare la sua fortuna. Infatti, l’altro non mancò di andare a prenderlo. Eccolo che parte di buon animo e lo segue con molta fedeltà. L’altro lo condusse fino alla chiesa, dove ascoltarono la santa Messa. Dopo che furono tornati: ” Amico, gli disse colui che stava bene a suo agio, torni pure al suo lavoro”. Fece altrettanto L’indomani; ma, essendo andato a prenderlo una terza volta per la stessa cosa: «Come? – gli disse l’altro. Se voglio andare alla Messa, conosco la strada, senza che lei si prenda la pena di venirmi a prendere; non è questo che volevo sapere, bensì il luogo dove trova tutto questo bene che la fa vivere così agiatamente; volevo vedere se, facendo come lei, posso trovarvi il mio tornaconto». – «Amico, gli rispose l’altro, non conosco altro luogo oltre la chiesa, e nessun altro mezzo fuorché l’ascoltare ogni giorno la santa Messa; e quanto a me, le assicuro che non ho adoperato altri mezzi per avere tutto il bene che la stupisce. Ma lei non ha letto ciò che Gesù Cristo ci dice nel Vangelo, di cercare anzitutto il Segno dei cieli, e che tutto il resto ci sarà dato in soprappiù?».

Forse vi stupisce, fratelli? Me, no. È ciò che vediamo ogni giorno nelle case dove c’è devozione: coloro che vengono spesso alla santa Messa fanno i loro affari molto meglio di quelli ai quali la loro poca fede fa pensare che non ne hanno mai il tempo. Ahimè!, se avessimo riposto tutta la nostra fiducia in Dio, e non contassimo affatto sul nostro lavoro, quanto saremmo più felici di quanto lo siamo!
– Ma, mi direte, se non abbiamo niente, non si dà niente.
– Cosa volete che vi dia il buon Dio, quando non contate che sul vostro lavoro e per niente su di lui? Visto che non vi concedete neanche il tempo per fare le vostre preghiere al mattino né alla sera, e vi accontentate di venire alla santa Messa una volta alla settimana.
Ahimè!, non conoscete le ricchezze della provvidenza del buon Dio per colui che si fida in Lui. Volete una prova evidente? Essa sta dinanzi ai vostri occhi; guardate il vostro pastore e considerate questo. dinanzi al buon Dio.

– Oh!, mi direte, è perché a lei viene dato.
– Ma chi mi dà se non la provvidenza del buon Dio? Ecco dove sono i miei tesori, e non altrove.

Pubblicato 18 ottobre 2010 da Manola e Mario in ATTIMI DI RIFLESSIONE